La stilista italo-haitiana Stella Jean è stata la madrina della serata conclusiva dell’importante manifestazione cinematografica all’insegna della multicultura e delle suggestioni dal mondo, ha consegnato il Premio Eni al Miglior Lungometraggio Finestre sul Mondo al film The Cremator del regista cinese Peng Tao.

In occasione della 23° edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, la designer Stella Jean ha preso parte all’evento conclusivo del Festival in qualità di madrina. Durante la cerimonia di chiusura, tenutasi la sera del 9 maggio presso l’Auditorium San Fedele in via Hoepli 5, la stilista ha consegnato il Premio Eni al Miglior Lungometraggio Finestre sul Mondo al film The Cremator del regista cinese Peng Tao.

La designer, inoltre sarà presente dal 4 al 10 maggio con una sua preziosa creazione esposta presso il Festival Center (Casa del Pane, Casello Ovest di Porta Venezia), da sempre si contraddistingue per uno stile che è puro métissage, riflesso ed evocazione della sua storia personale. Adoro personalmente l’originalità della Design.

Il lavoro di Stella Jean è infatti supportato dalla necessità di veicolare un nuovo concetto di multiculturalità, di cui la stilista è un esempio concreto proiettato nelle sue collezioni, per uno sguardo estetico e una creatività trasversale e all’avanguardia che non pongano limiti agli abbinamenti culturali, sociali e tessili.

La partecipazione di Stella Jean ad una manifestazione cinematografica di rilievo internazionale quale il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina rappresenta una nuova e importante occasione di incontro e commistione tra mondi concettuali e culturali, tra moda e arte, tra continenti dalle molteplici suggestioni. Veramente tantissimi complimenti a Stella Jean per il suo successo…

Seguite Valentina Coco sul suo blog ZaguFashion