In programma a Modena, Carpi e Sassuolo, dal 12 al 14 settembre, la 14° edizione di Festival Filosofia, evento di spicco della stagione culturale modenese, in grado di richiamare ogni anno parecchie decine di migliaia di appassionati da tutto il mondo. Oltre 200 gli appuntamenti in programma, fra lezioni magistrali, mostre, concerti, film, giochi e cene filosofiche, tutti declinati sul tema della “GLORIA”, focus centrale dell’edizione 2014.

“Come ogni anno – ha spiegato Remo Bodei – scegliamo una parola, quest’anno sarà Gloria. Nei giorni del Festival vogliamo analizzare questa parola in tutte le sue sfaccettature, partendo dal suo concetto originario e conoscerne le forme in cui è stata rappresentata nel passare del tempo, fino ai giorno d’oggi”. Un termine apparentemente desueto, che si rivela però dispositivo efficace per mettere a fuoco una delle questioni cruciali dell’esperienza contemporanea: la celebrità. A discutere sul tema famosi esponenti del mondo culturale, nazionale ed internazionale, tra cui Bodei, Bauman, Augé, Nancy, Galimberti, Marzano, Severino, Recalcati, Bianchi, Baricco e Bergonzoni.

Le oltre 50 lezioni magistrali, ospitate in piazze e cortili, costituiranno il corpo centrale del programma: i maestri del pensiero filosofico si confronteranno con il pubblico sulle varie declinazioni contemporanee della gloria, sotto sette diversi gruppi di questioni: Luci; Vite spettacolari; Trasformazioni dell’ambizione; La riabilitazione dell’onore; Le democrazie alla prova della gloria; Impronte di gloria e La lezione dei Classici; ma la stessa suddivisione in questioni madre, darà vita anche ad un ricco corpus di esposizioni ed eventi. Tra questi “Celebrity. Icone in figurina”, la mostra “Volti di volti”, una personale di Mimmo Jodice, una mostra sull’iconografia di gloria della dinastia estense, una sul ciclo affrescato dei Trionfi petrarcheschi nel Palazzo dei Pio di Carpi, e una dei ritratti Tullio Pericoli.

E ancora pranzi e cene filosofici, ospitati in oltre 70 ristoranti ed enoteche di Modena, Carpi e Sassuolo: una vera e propria ode alla gloria della cucina tradizionale emiliano-romagnola. Torna infine, nella notte di sabato 15 settembre, il “Tiratardi“, con iniziative e aperture di gallerie e musei fino alle ore piccole.

Il programma completo è consultabile al sito www.festivalfilosofia.it