Ha inizio stasera il “tour de cinema” della 7° edizione del Festival cinematografico più importante della scena romana. Marco Muller, in passato direttore anche del Festival del Cinema di Venezia, viene chiamato a dirigere i lavori che si svolgeranno all’Auditorium Parco della Musica sino al 17 novmbre.

Otto sale a disposizione per il pubblico, alle quali si affianca il Villaggio del Cinema: 6000 mq dedicati a stand, tensostrutture, zone di ritrovo appositamente realizzate per la manifestazione. Coinvolte anche l’area di Via Veneto  strada simbolo del cinema italiano che ospiterà il Mercato Internazionale del Film (Hotel Bernini Bristol, Auditorium di via Veneto e cinema Multisala Barberini), e Villa Borghese che, per l’occasione, indossa le vesti di “Casa del Cinema”.

Al Concorso internazionale si affiancano quest’anno un Fuori Concorso, che ospita proiezioni di gala del 2012, la linea di concorso CinemaXXI, dedicata alle nuove correnti del cinema mondiale senza distinzione di genere e durata, e Prospettive Italia che intende fare il punto sulle nuove linee di tendenza del cinema italiano.

Tra le pellicole più attese, come prevedibile, l’ultimo episodio della famosa saga di Twilight: Breaking Dawn parte 2, con parte del cast probabilmente anche presente a Roma nei prossimi giorni. Meno conosciuti al pubblico main streaming gli altri ospiti: Larry Clark con Marfa Girl, che ci ha abituato a pellicole crude e dure come Bully e Ken Park; Paolo Franchi che dopo La Sconosciuta e Nessuna qualità agli eroi chiude la sua trilogia con E la chiamano estate. Grandi aspettative verso Pappi Corsicato che presenta Il volto di un’altra, scritto dal regista assieme a Gianni Romoli.

Madrina del Festival Claudia Pandolfi che anticiperà la prima proiezione del kolossal fuori concorso di Bakhtiar Khudojnazarovsfilerà, Aspettando il mare, con la presentazione della giuria, e condurrà anche la serata di premiazione del Festival, alla quale seguirà il film di chiusura, Una pistola en cada mano del regista e sceneggiatore catalano Cesc Gay, Fuori Concorso, in prima mondiale.