Filippo Nogarin, il sindaco di Livorno del Movimento 5 Stelle, ha ricevuto un avviso di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulla raccolta rifiuti.

A confermare la notizia è stato lo stesso Nogarin, che su Facebook ha scritto: “Come già avevo previsto in questi giorni, stamattina ho ricevuto un avviso di garanzia legato alla richiesta di concordato per l’Aamps di Livorno del tutto identico a quello dell’assessore Lemmetti”.

Il sindaco di Livorno ha anche annunciato che, qualora fossero accertati elementi contrari ai principi del M5S, è pronto a dimettersi: “Non conosco ancora quale sia la contestazione specifica che la procura muove nei miei confronti”

“Sono fermamente certo di aver sempre agito per il bene dell’azienda e dei livornesi, provando a salvare una situazione disastrosa lasciataci in eredità dal Pd, ma sin d’ora posso ribadire che nel MoVimento 5 Stelle non si aspetta certo una sentenza per dimettersi, perché noi non siamo legati ad alcuna poltrona.
Se già durante le indagini preliminari dovesse emergere una condotta contraria ai principi del MoVimento 5 Stelle sono pronto a dimettermi”.

Tutto parrebbe ruotare intorno alla società partecipata Aamps, che negli ultimi mesi sta vivendo uno stato di profondo caos, tanto da indurre i netturbini allo sciopero.

Il caso ha creato uno scontro politico fra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Proprio oggi Luigi Di Maio era a Lodi, dove qualche giorno fa è stato arrestato il Sindaco Pd Simone Uggetti.

“Noi siamo garantisti, ma dopo la manifestazione a Lodi pensi di fermarti anche a Livorno?”, ha scritto su Twitter Silvia Velo, parlamentare toscana e sottosegretaria all’Ambiente, riferendosi all’iniziativa del parlamentare pentastellato.