Si chiama Mirco Alessi e ha 42 anni il responsabile del duplice omicidio che ieri ha scosso Firenze: dopo una lunga caccia all’uomo è stato fermato dai carabinieri del capoluogo toscano.

È stato lo stesso uomo a chiamare le forze dell’ordine da Monticiano, nel Senese, non prima di aver telefonato ai genitori per raccontare confusamente l’accaduto: agitato e pronunciando frasi sconnesse Alessi è riuscito a spiegare all’operatore di aver ucciso due persone.

Dopo averlo trattenuto abilmente al telefono i carabinieri sono riusciti a localizzare la provenienza della chiamata e lo hanno posto in stato di arresto; la sua auto nel frattempo era già stata notata in paese dalle forze dell’ordine locali.

L’interrogatorio cui è stato sottoposto per tutta la notte non ha però portato alla risoluzione del mistero del doppio omicidio, di cui non si conosce ancora il movente: Alessi ha ucciso un transessuale, Gilberto Manoel Da Silva, 45 enne brasiliano, e una donna originaria di Santo Domingo, Mariela Josefina Santos Cruz, di 27 anni, in un appartamento sito in via Fiume, a poca distanza dalla stazione di Santa Maria Novella. Una terza persona, una ragazza, è invece riuscita a scappare gettandosi dalla finestra e riportando leggere ferite.

A quanto pare Mariela e l’altra ragazza sarebbero state ospiti nell’appartamento in cui Gilberto esercitava la prostituzione: Alessi potrebbe essere stato un cliente che in un raptus ha ucciso prima il brasiliano e poi la Cruz, forse intervenuta dopo aver sentito delle urla (è stata poi ritrovata con un’ampia ferita sul fianco sulle scale).

Alessi ha poi raggiunto la sua casa in via Palazzuolo, dove viveva da solo dopo essersi separato dalla moglie, si è cambiato d’abito ed è fuggito in automobile, nel frattempo continuano a telefonare ai genitori in preda al panico. Solo nella tarda serata di ieri la telefonata al 112, l’individuazione e infine il suo arresto.