“Mamma, butta tutto perché ci sono i carabinieri con papà”, questa la telefonata che la convivente di un presunto spacciatore ha ricevuto da sua figlia di 11 anni, alla presenza delle forze dell’ordine che avevano fatto irruzione nella sua abitazione. La piccola, infatti, si trovava in auto col padre, un uomo di 42 anni, che intanto si era presentato in Questura per l’obbligo di firma cui era sottoposto. La piccola, però, accorgendosi dello strano comportamento dei militari, ha immediatamente avvertito la madre provando a mandare all’aria il blitz dei Carabinieri della Stazione di Fiumefreddo, in Sicilia.

11enne prova a far saltare blitz dei Carabinieri

Nell’abitazione dell’uomo, infatti, è intervenuta l’unità cinofila antidroga del Nucleo di Nicolosi che, avvalendosi del pastore tedesco “Auro”, ha rinvenuto e sequestrato una decina di grammi tra cocaina ed eroina, già suddivise in dosi, 90 compresse composte da sostanza utilizzata per il taglio della droga, un bilancino di precisione e altro materiale adoperato per confezionare lo stupefacente.

I Carabinieri arrestano l’uomo per spaccio di droga

Il padre è stato arrestato e condotto al carcere di Piazza Lanza con l’accusa di detenzione finalizzata allo spaccio di stupefacenti; contestata anche la “determinazione al reato di persona non imputabile”, illecito che ha portato alla denuncia della convivente di 38 anni.