È stato uno scherzo finito male quello che ha provocato la morte di Giordano Cerro, un 18enne romano finito folgorato dai cavi del treno sul cui tetto era salito.

L’incidente è accaduto nella notte di ieri a Livorno, città in cui si trovava lo studente di un istituto alberghiero per uno stage in un hotel locale.

In compagnia di un amico di 17 anni, al momento ancora sotto shock, il ragazzo si è intrufolato di nascosto nella stazione, con l’intenzione di scattarsi una foto in cima alla carrozza di un treno.

Tuttavia una volta salito sul vagone Cerro ha sbattuto la testa contro uno dei cavi della corrente elettrica cui è collegato il treno, finendo così folgorato all’istante.

Inutile la chiamata dell’amico al pronto soccorso, che ha inviato un’ambulanza dopo pochissimi minuti. Il personale ha provato a rianimare il giovane, purtroppo senza successo.

Per rimuovere il cadavere del giovane e mettere in sicurezza i cavi sono occorse molte ore, fino alle 6.30 di questa mattina, quando il corpo è stato portato al locale obitorio.

Sul luogo anche carabinieri e polizia, che stanno avviando le indagini. Nessuno parrebbe aver visto i due ragazzi entrare in stazione, vista l’ora tarda: sotto esame le immagini catturate dalle videocamere di sorveglianza.