Il Gup di Roma Rosalba Liso ha condannato oggi Franco Fiorito a tre anni e quattro mesi di reclusione per peculato. Il pubblico ministero Alberto Pioletti aveva chiesto una condanna di 5 anni.

L’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio (foto by InfoPhoto) è stato riconosciuto colpevole per aver trattenuto oltre un milione di euro di rimborsi spese destinati al gruppo consiliare Pdl dalla Regione. Il denaro era invece stato usato per viaggi, ristoranti e auto di lusso. Fiorito è stato condannato anche all’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni.

I due ex responsabili della segreteria di Fiorito, Bruno Galassi e Pierluigi Boschi, hanno patteggiato rispettivamente una pena ad un anno e 5 mesi e ad un anno e due mesi.

Fiorito era stato arrestato il 2 ottobre 2012, il 27 dicembre gli furono concessi i domiciliari e il 28 marzo era tornato in libertà. Il 19 aprile aveva stipulato un’intesa con la Corte dei conti per la restituzione di 1 milione e 90mila euro.

Fiorito è stato soprannominato “il Batman di Anagni“, dai tempi in cui era sindaco della cittadina laziale.