Operativo il Fondo di garanzia da 50 milioni di euro destinato alle giovani coppie con redditi precari.

Obiettivo: facilitare l’accesso ai mutui per l’acquisto di prima casa da parte dei lavoratori atipici under 35, siano essi sposati o genitori single con figli minori a carico. Il Fondo, voluto dal ministero della Gioventù nell’ambito del progetto di iniziative ”Diritto al futuro”, è regolato dal Dm 256 del 17 dicembre 2010 e diviene operativo grazie a una convenzione tra il ministero stesso e l’Associazione bancaria italiana (Abi). È rivolto ai nuclei familiari costituiti da soggetti “non bancabili”, che non avrebbero cioè garanzie reali o di reddito sufficienti a ottenere un finanziamento per l’acquisto della prima casa.

Per accedere al Fondo sarà quindi necessario rispettare una serie di requisiti ben precisi: la richiesta deve essere presentata da coppie sposate o da nuclei familiari monogenitore con figli minori a carico. È previsto un tetto massimo di età di 35 anni per entrambi i coniugi o per il singolo genitore. L’indicatore della situazione economica equivalente (Isee) deve essere inferiore ai 35mila euro annui, il che equivale a un salario mensile congiunto dei due coniugi inferiore ai 3mila euro al mese. Non solo: almeno il 50% del reddito complessivo imponibile ai fini Irpef deve derivare da un contratto di lavoro che non sia a tempo indeterminato, ma atipico.

La richiesta per accedere ai mutui deve essere inoltrata presso le banche aderenti alla convenzione Abi-ministero: l’elenco completo e aggiornato è consultabile presso il sito www.diamoglifuturo.it/fondo-casa. I finanziamenti devono essere finalizzati all’acquisto di prima casa (i giovani non devono essere in possesso di altri immobili per uso abitativo, salvo il caso in cui la proprietà sia acquistata dal mutuatario per successione).

Il regolamento prevede che anche gli immobili rispondano a determinate caratteristiche: non possono rientrare nelle categorie catastali degli immobili di lusso, quali abitazioni signorili (A1), ville (A8) e castelli (A9). La superficie massima non può superare i 90 metri quadrati.

I mutui sono a tasso agevolato: il parametro è l’Irs o l’Euribor, a seconda che il tasso sia rispettivamente fisso o variabile, più uno spread di 120 punti base (se la durata del finanziamento è inferiore ai 20 anni) o 150 punti base (con durata uguale o superiore a 20 anni).

L’importo massimo richiedibile è pari a 200mila euro; il Fondo fornisce una garanzia non superiore a 75mila euro, costituita dal 50% della quota capitale dei mutui ammissibili, degli interessi contrattuali e dei costi di recupero non superiori al 5% del capitale residuo.

Il Fondo di garanzia si inserisce in un più ampio sistema di agevolazioni e aiuti voluti dal ministero e rivolti ai giovani. Il progetto “Diritto al futuro” include infatti anche un secondo Fondo di garanzia per giovani genitori precari, destinato questa volta ad agevolare le assunzioni in azienda. I beneficiari sono giovani di età inferiore a 36 anni; genitori di figli minori legittimi, naturali o adottivi, o affidatari di minori; occupati con rapporti di lavoro atipici e disoccupati iscritti ai centri pubblici per l’impiego. Il fondo garantisce a queste categorie una “dote” da 5mila euro che viene trasferita ai datori di lavoro che decidano di assumerli con contratti a tempo indeterminato, full time o part time.

C’è poi un terzo Fondo da 25 milioni di euro per agevolare l’accesso a finanziamenti agevolati da 25mila euro per studenti che vogliano accedere a corsi e master universitari. I prestiti sono concessi a studenti di età compresa tra 18 e 40 anni e sono erogati in rate annuali di importo compreso fra 3mila e 5mila euro, con piani di ammortamento a partire dal trentesimo mese e durata di rimborso pari anche a 15 anni.

Chiudono il “Diritto al futuro” il “Fondo Mecenati”, un sistema di cofinanziamento pubblico (fino al 40% del costo complessivo ed entro un tetto massimo di 3 milioni di euro) di iniziative attuate da imprese private per valorizzare e formare gli under 35 meritevoli, e il “Campus Mentis”, un’azione di job placement dedicata agli under 30 individuati tra i migliori laureati e laureandi d’Italia.

Fonte: ilsole24ore