Un lucano di 43 anni, originario di Potenza, qualche mese fa aveva chiesto il congedo dal servizio per motivi familiari. L’uomo, infatti, lavorava nella Guardia forestale della Basilicata ma adesso è stato sospeso ed indagato dalla Procura di Potenza. L’accusa è di truffa aggravata poiché, secondo l’accusa, dopo aver dichiarato di dover accudire un parente malato, avrebbe richiesto il congedo e poi avrebbe cominciato a fare la spola tra gli Stati Uniti e l’Italia per girare un film porno. Voleva diventare un attore porno così come Rocco Siffredi ma non aveva fatto i conti con il suo lavoro principale, quello nella Forestale di Potenza.

Gira film porno ma è in congedo alla Forestale

Il trailer di uno dei suoi film, però, è iniziato a circolare soprattutto via WhatsApp fino a quando è arrivato in mano ai suoi superiori che hanno immediatamente segnalato il suo comportamento alle autorità competenti le quali lo hanno sospeso dal servizio facendo scattare le indagini della Procura di Potenza.

L’uomo, stando alle prime informazioni trapelate, si sarebbe difeso dicendo che girare film porno sarebbe per lui soltanto un hobby e che, dunque, non avrebbe mai ricevuto alcun compenso. Adesso toccherà al giudice credere (o meno) alle sue parole.