Mentre si va verso la formazione del nuovo governo, il Movimento Cinque Stelle deve fare i conti anche con l’attacco di quelli che si definiscono gli “Hacker del Pd”. I pirati informatici minacciano di violare la privacy di una trentina di deputati e senatori 5 stelle: ‘Libero’ parla di imbarazzanti comunicazioni politiche ma anche esplicitamente di materiale hard che vedono come protagonisti i parlamentari grillini tra cui Giulia Sarti e Stefano Vignaroli.

Della vicenda pare non preoccuparsi minimamente Beppe Grillo (foto by InfoPhoto) che dal suo blog lancia invece una bordata sull’esecutivo dalle larghe intese: “Il governo che sta nascendo è un’ammucchiata degna del miglior bunga bunga. Tutti passivi tranne uno che di bunga bunga se ne intende. Una mescolanza che sconfina nell’incesto, lettiana, che ha in sé il profumo di famiglia, da Mulino Bianco dell’Inciucio”. Nel mirino anche il prossimo premier: “Zio e Nipote Letta si sono alternati come sottosegretari alla presidenza del Consiglio negli ultimi vent’anni. Cambiava il presidente, ma la famiglia Letta era sempre presente. A garanzia di chi? E’ una coincidenza singolare questa successione monarchica. Una famiglia di predestinati”.

Non può mancare poi il classico attacco ai media: “L’esultanza dei giornali e delle televisioni per l’ammucchiata di regime è propria dei servi che hanno conservato il posto di lavoro. I partiti hanno evitato una Caporetto e si sono rinchiusi in un bunker, tutti assieme appassionatamente, ormai è amore. Coloro che si insultavano in campagna elettorale “Comunisti!”, “Mai con Berlusconi!” si sono infilati insieme sotto le coperte pur di non dover rendere conto alla Nazione del loro fallimento. Il governo minestrone avrà i peggiori odori e sapori della Seconda Repubblica e qualche resto avariato della Prima, come Amato, il tesoriere di Craxi. Pietanze che solo le televisioni riescono a far digerire”.

Una durissima critica alle televisioni e a chi le ha salvate prima della chiosa finale: “Cosa verrà dopo il bunker? Berlusconi presidente della Repubblica incoronato dai comunisti Napolitano e capitan findus Letta, lo stoccafisso scongelato? Berlusconi ha detto “Poco importa chi guiderà questo governo, importante che ci siano un governo e un Parlamento per approvare provvedimenti urgenti”.