“Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, non è candidato al Quirinale, come si sostiene in alcune indiscrezioni di stampa in queste ore, Bersani sta lavorando perché il confronto con le diverse forze parlamentari produca una candidatura largamente condivisa per la presidenza della Repubblica, così come recita la Costituzione”. E’ il vicesegretario del PD, Enrico Letta, a mettere a tacere le indiscrezioni che vorrebbero Pierluigi Bersani come prossimo Presidente della Repubblica italiana.

In questi giorni, soprattutto da parte di PDL e Lega, erano girate diverse voci che avrebbero voluto vedere l’attuale segretario del PD salire alla più alta carica della nostra repubblica. Sembrava una decisione sempre più concreta, nonostante l’ironia del web, poi ci ha pensato lo stesso partito di Bersani, dopo giorni di silenzio sull’argomento, a fermarle.

Lo stallo politico nella formazione di un governo, gli infiniti colloqui tra le diverse forze politiche, le divisioni all’interno del partito che ha preso più voti nelle recenti elezioni, il PD, non fanno ben sperare in una rapida soluzione. Da parte sua Pierluigi Bersani ha chiuso la questione con una battuta “gli unici colli a cui penso, sono quelli piacentini…”.

Nel frattempo anche un altro degli eleggibili alla prossima presidenza della Repubblica si è tirato fuori, è Massimo D’Alema che dopo aver avuto un incontro con il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, ha dichiarato: “Io non sono candidato a nulla, non ci sono candidati”.

Una cosa è certa, ora a Silvio Berlusconi non dispiacerebbe vedere un presidente della Repubblica proveniente dal PD per il dopo Napolitano.