Una bufala a metà, chiamiamola così. Francesco Schettino è stato all’Università La Sapienza di Roma, ma non è salito in cattedra per parlare di come si gestisce il panico all’interno di un Master. No, questa volta dobbiamo rettificare l’accaduto e dire che l’ex comandante, indagato per il disastro della Costa Concordia dove sono morte 32 persone causando 110 feriti e un disperso, non ha avuto l’onore di essere chiamato dall’ateneo romano a tenere una lezione. Meno male direi, ma andiamo con ordine.

Schettino insegna all’Università: incredibile, lezione sulla gestione del panico

Quotidiano.net aveva pubblicato, in mattinata, la notizia della lezione di Schettino, senza specificare quando, in che aula e il contesto. L’unica cosa che è stata detta era che si trattava di un intervento a margine di una tre giorni organizzata dal master in scienze criminologiche, a sua volta messo in piedi dalla cattedra di psicopatologia forense della facoltà di Medicina della Sapienza di Roma. Su Facebook ci sono alcune foto di Schettino, ma effettivamente non lo si vede mai dialogare con gli studenti a mo’ di professore

Non si è trattato di alcuna lectio magistralis – ha raccontato il criminologo Vincenzo Mastronardi, titolare del master in questione, a Wiredl’intervento di Schettino è stato brevissimo, a commento di una ricostruzione in 3D dell’incidente. Oltre tutto, c’è una differenza fra invitare una persona e chiamarla per partecipare in un contesto scientifico. L’abbiamo interpellato per dire la sua, non abbiamo promosso l’evento. Insomma, ci interessava come protagonista di quel tragico fatto“.

Schettino insegna all’Università: le foto

Dunque, non una lectio magistralis ma comunque un intervento in sede accademica, cosa che peraltro rimane un fatto particolare se associamo il personaggio al contesto di studi. I social network hanno già emesso un parere negativo, perché la Rete in fondo è così: lectio magistralis o seminario estivo che sia, è stata l’idea di invitare Francesco Schettino a non essere digerita.

Costa Concordia Processo: due nuovi indagati, Schettino chiede di risalire sulla nave