Lotta tra la vita e la morte un ragazzo che è stato pestato a sangue tra venerdì e sabato a Tecchiena d’Alatri (Frosinone): ricoverato d’urgenza, è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico che si è reso necessario a causa delle lesioni riscontrate alla testa. Calci e pugni per il giovane che è stato picchiato da circa venti persone all’uscita da un circolo privato. La sua “colpa”? Aver difeso la sua compagna a cui sarebbero state fatte delle avance.

Picchiato a sangue, aveva difeso la sua ragazza

All’aggressione avrebbero assistito diverse persone che i carabinieri, in queste ore, stanno cercando di individuare ed interrogare per ricostruire meglio la dinamica dei fatti, per risalire agli autori del pestaggio. Stando ad una prima ricostruzione, sarebbero stati in venti ad aggredire il giovane che, subito dopo, è stato trasportato d’urgenza in ospedale, in fin di vita. Le sue condizioni sono ancora gravi.

Picchiato a sangue da venti persone

Il giovane – all’uscita dal circolo in compagnia della sua compagna, oggetto di avance da parte di un ragazzo – è stato colpito in testa con un oggetto contundente, forse una spranga o una chiave inglese che gli hanno causato diverse fratture al cranio. Continuano le indagini per risalire agli autori del pestaggio.