“Le parole sono importanti” oggi racconta di un vocabolo un po’ meno desueto dei precedenti e, per far sì che anche questo non cada nel dimenticatoio, lo rispolvera immediatamente. Si tratta di

FUCINA: laboratorio nel quale si compiono lavori di fucinatura, sia a mano sia per mezzo di magli e di presse. In maniera più specifica può indicare anche il forno aperto che, nell’arte fabbrile, serve a riscaldare i pezzi in lavoro.

La parola fucina però nel linguaggio comune è spesso usata anche nella sua valenza figurativa: luogo, ambiente dove si creano idee, si foggiano menti, ingegni, o si formano in gran numero persone di una determinata categoria. Ad esempio:

Quell’uomo è una fucina di idee geniali

Sei davvero una fucina di idiozie

ALTRI LINK:

Cosa significa “biascicapaternostri”?

Cosa vuol dire “sciamannato”

Il significato di “solipsista”

Cosa vuol dire “ringalluzzire”

Ci ricordiamo di “Riminiscenza”?

Cosa vuol dire “ossimoro”?

photo credit: Dermod via photopin cc