Commozione ai funerali di Francesco Filippo e Raniero, i due bimbi morti per asfissia a seguito dell’incendio che ha distrutto la loro casa di Messina. Fiamme e fumo che hanno invaso l’appartamento per un corto circuito partito dalla cucina che non gli ha lasciato scampo. Mentre mamma e papà, insieme agli altri due fratellini, sono riusciti a mettersi in salvo con grande difficoltà, loro due non ce l’hanno fatta e sono rimasti imprigionati nella loro stanza che si è trasformata in una gabbia.

Francesco, il più grande, è tornato indietro per tentare di salvare il fratellino Ranierotutti e due, purtroppo, da quella casa non sono più usciti. Una fine atroce per due anime innocenti che proprio oggi mamma Chiara e papà Gianmaria hanno voluto ricordare così in Chiesa:

Siete stati l’unica ragione della nostra vita. Giocate e saltate tra le nuove e proteggete da lassù i vostri fratellini. Speriamo che un bel giorno ci ritroveremo di nuovo tutti e sei [...] Noi siamo ancora una famiglia perché, anche se siete in paradiso, vi sentiamo nei nostri cuori.

Migliaia le persone che sono venute a Messina per dare l’ultimo saluto ai piccoli: tutti i negozi hanno chiuso in segno di lutto ed è stato montato un maxi schermo in Piazza Duomo.