Sottraevano computer e altre costose attrezzature nelle scuole campane per poi ripiazzarle illegalmente sul mercato. Con questa accusa a Napoli sono finite in manette 20 persone, parte di una banda che ha messo a segno decine di furti nelle scuole negli ultimi mesi.

L’operazione, condotta dai carabinieri delle Compagnie Vomero e Stella, è nata dai furti nelle scuole di diverse province campane denunciati dai direttori degli istituti scolastici. La banda agiva soprattutto nelle scuole del napoletano. Decine i colpi messi a segno nel capoluogo partenopeo.

Il Tribunale di Napoli ha emesso 20 ordinanze di custodia cautelare, eseguite questa mattina alle prime luci dell’alba. Le accuse per i membri della banda formulate dal gip sono di associazione per delinquere finalizzata ai furti nelle scuole e ricettazione.

Furti nelle scuole: bottini da migliaia di euro

Gli inquirenti hanno seguito per settimane le mosse della banda, intercettando i componenti. Gli investigatori hanno scoperto che la banda aveva in programma decine di altri colpi negli istituti scolastici campani, allettata anche dai recenti finanziamenti dell’Unione Europea destinati all’acquisto di nuove attrezzature informatiche. I furti nelle scuole erano molto redditizi per i ladri, come dimostrano alcuni dei commenti intercettati dagli agenti:

Coi furti nelle scuole facciamo mille euro a sera, 27mila euro con la vendita del materiale di un solo furto. Grazie ai finanziamenti stanno rifornendo le scuole e noi li facciamo piangere.

Le indagini dei militari dell’Arma hanno interrotto bruscamente il business illecito della banda. Gran parte della refurtiva è stata recuperata a poche ore dalla messa a segno del colpo e verrà riportata negli istituti in cui è stata sottratta.

La banda, che nelle conversazioni intercettate si definiva “una paranza troppo forte”, è stata sgominata. Gli agenti sono infatti riusciti a identificare tutti i membri. I presidi degli istituti scolastici campani ripetutamente presi di mira dai ladri negli ultimi mesi potranno finalmente tirare un sospiro di sollievo.