Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è arrivato al Castello di Elmau, sulle Alpi bavaresi, dove si apre il G7. Atterrato a Monaco dove è stato ricevuto dal presidente del Land Horst Seehofer, il presidente degli Usa ha successivamente raggiunto in elicottero la sede del summit di due giorni presieduto dalla cancelliera Angela Merkel. Prima dell’inizio ufficiale dei lavori, si è tenuto il tanto atteso bilaterale tra la Merkel e Obama, momento dopo il quale i due leader incontreranno la cittadinanza nel Rathaus di Kruen. L’emergenza immigrazione, la crisi ucraina, quella greca e la sfida al terrorismo i temi caldi sul tavolo.

“Grazie per la sua partnership e la sua leadership: siamo inseparabili in Ue e nel mondo”. Così Obama si è rivolto alla Merkel nel corso del loro tanto atteso incontro pubblico. “Nonostante alcune differenze di opinione, talvolta, gli Stati Uniti sono amici e partner essenziali, coi quali lavoriamo insieme in modo molto stretto, il che è nel nostro interesse, ne abbiamo bisogno”, queste le parole di Angela Merkel, prendendo la parola a Kruen. La cancelliera ha inoltre ringraziato gli americani: “Quest’anno festeggiamo i 25 anni dalla riunificazione, e io voglio dire ancora una volta grazie!”.

Al summit in Baviera parteciperà anche il premier Matteo Renzi: “Al G7 andiamo con la convinzione che l’Italia deve essere sempre di più protagonista nel mondo avendo la forza di fare accordi alla radice”. È questo lo spirito col quale l’Italia affronterà questo G7, in programma oggi e domani al castello di Schloss Elmau, in Germania. “Una crescita forte, sostenibile e bilanciata continuerà ad essere obiettivo centrale del lavoro dei G7″, queste le parole che si possono leggere in una nota sul sito ufficiale del Governo. Il premier Renzi incontrerà i leader G7: la Cancelliera tedesca Angela Merkel, il primo ministro canadese Stephen Harper, il presidente francese Francois Hollande; il pimo ministro giapponese Shinzo Abe;  il primo ministro britannico David Cameron; il presidente degli Stati Uniti Barack Obama; il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, in un vertice dedicato ai temi dell’economia globale, della politica estera e di sicurezza e della cooperazione internazionale.

La discussione sui temi della politica estera verterà sulle principali crisi internazionali e sul contrasto globale agli estremismi. Particolare attenzione verrà dedicata alle vicende del Mediterraneo e del Medio Oriente e alla crisi ucraina. Nella seconda giornata dei lavori, ad Elmau saranno presenti numerosi ospiti internazionali, con un particolare focus sul continente africano: si recheranno ad Elmau i leader di Etiopia, Iraq, Liberia, Nigeria, Senegal e Tunisia, oltre ai leader delle principali organizzazioni internazionali. Verranno inoltre tirate le somme del dialogo con la società civile allacciato dai G7 nel corso di tutto l’anno.