Dormitori aperti h24, sacchi a pelo resistenti fino a 20 gradi sotto zero e auto per i clochard: queste le iniziative di Papa Francesco a seguito del gelo e del maltempo che si è abbattuto al centro-Sud e nelle isole. “Abbiamo messo a disposizione anche le nostre auto per dormirci dentro la notte” ha fatto sapere monsignor Krajewski. E ancora: “Abbiamo aperto i nostri dormitori per tutti lungo le 24 ore e, anche se non ci sono più posti letto per dormire, chiunque bussa viene accolto e può restare al caldo, ricevendo tè, caffè e da mangiare” ha aggiunto l’elemosiniere del Papa.

Tutte le iniziative di Papa Francesco

Questo è quanto sta avvenendo in un dormitorio vicino al Vaticano e in un altro gestito dalle suore di Madre Teresa. “Purtroppo ci sono persone che non si vogliono muovere da dove stazionano di solito. A loro in questi giorni portiamo sacchi a pelo speciali, del tipo alpino, resistenti a temperature di meno 20 gradi” ha precisato l’elemosiniere del Papa.

Papa Francesco aiuta i clochard

Messe a disposizione anche le auto dell’Elemosineria apostolica: “Le lasciamo lì la sera in modo che possano passarci la notte dentro, e andiamo a riprenderle la mattina. La macchina naturalmente non si può lasciare accesa la notte perché è pericoloso, ma come rifugio è già qualcosa”.