C’è chi nasconde la sua omosessualità per paura del giudizio dei fans e chi invece se la inventa per vendere dischi.

Anche questo è il mercato della musica italiana dove, a volte, la musica non è l’unica cosa che conta per ottenere risultati in classifica.

Lo sa bene Gerardina Trovato che, sul numero di ‘Chi’ del 23 maggio, racconta di come il suo look e il suo aspetto, nella sua prima esibizione al Festival di Sanremo, avesse indotto il pubblico a pensare che lei fosse lesbica.

Fin qui nulla di strano, se non fosse che, a dire della cantante, lei in realtà fosse etero, ma, visto che le sue ipotetiche preferenze sessuali la stavano aiutando a vendere più dischi, che preferisse accettare di ‘snaturarmi, per il dio denaro’, come spiega lei stessa.

Il problema nacque però quando la sua assistente si innamorò di lei iniziando a farla pressione fino a diventare una vera e propria stalker.

Gerardina Trovato non sapeva dunque come uscire da questa situazione tanto da ammettere che “c’è stato un momento in cui la mia felicità dipendeva dalla morte di qualcuno. L’amore malato di una donna, la mia assistente, mi ha rovinato la vita. Mi sentivo in trappola e non riuscivo a liberarmi. Mi auguravo che quella donna morisse per poter tornare a vivere”.

Per fortuna ora la cantante sta bene, è felicemente fidanzata con Alessandro Casadei, suo manager.