Oggi i tedeschi saranno chiamati al voto per le elezioni che potrebbe cambiare il quadro politico europeo. Stando ai primi sondaggi, Angela Merkel sarebbe in testa, rimanendo la preferita e prevalendo nettamente sull’avversario Martin Schulz, che recentemente è stato persino in Italia con il Ministro dell’Interno Marco Minniti. I numeri parlano di un 45% della Merkel contro un 32% di Schulz: il distacco è netto anche se non sono esclusi colpi di scena. A preoccupare è, invece, il possibile ingresso in Parlamento dei populisti, del partito di estrema destra: “Siamo nemici, siete i becchini della democrazia” sono le parole durissime rivolte ai populisti dall’ex presidente dell’Europarlamento.

Il movimento di estrema destra, guidato da Alice Weidel, potrebbe superare la soglia del 5%, quella necessaria per entrare nel Parlamento federale tedesco. Per la prima volta, dopo la Seconda Guerra Mondiale, dunque, un partito populista potrebbe riuscire ad ottenere un peso politico, entrando di diritto nella Bundestag. Ma ancora sono solo previsioni. Tutte ipotesi, occorrerà aspettare il risultato delle elezioni politiche.

Nonostante i consensi siano calati notevolmente negli ultimi mesi, la cancelliera Angela Merkel resta la preferita grazie alle sue abilità politico-diplomatiche. Un vero leader che ha saputo gestire con diligenza la questione immigrazione siglando persino un accordo con il presidente turco Erdogan.