Lo spettro del terrorismo aleggia ancora sulla Germania: la polizia ha infatti arrestato due fratelli di 28 e 31 anni originari del Kosovo, sospettati di stare pianificando un attentato.

Teatro dell’attacco avrebbe dovuto essere uno dei più grandi centri commerciali del Paese, sito nella città di Oberhausen.

Non è ancora stato reso noto se vi siano legami con la strage avvenuta al mercatino natalizio di Berlino, nella quale hanno perso la vita 12 persone, tra cui l’italiana Fabrizia Di Lorenzo.

L’arresto dei due fratelli, avvenuto nella cittadina di Duisburg, è arrivato grazie a un lavoro di intelligence e alle informazioni ricavate dalla forze di sicurezza.

In una dichiarazione ufficiale la polizia di Essen ha dichiarato che gli investigatori stavano cercando di stabilire a che fase della preparazione fosse arrivata la coppia, quando nella serata di ieri sono stati indirizzati al centro commerciale di Oberhausen, che contiene circa 250 negozi all’interno, e al vicino mercatino natalizio.

Germania: continua la caccia all’attentatore di Berlino

Nel frattempo la polizia è ancora alla ricerca del 24enne tunisino Anis Amri, il principale sospettato dell’attacco al mercatino di Breitscheidplatz. Alcune testimonianze al vaglio degli investigatori parlano di un avvistamento del giovane terrorista in una moschea di Berlino otto ore dopo l’attentato.


.