La Germania ha deciso che invierà Tornando e una nave da guerra in Siria, per aiutare la lotta contro i terroristi jihadisti dell’Isis. La decisione è giunta dopo una riunione con la Cancelliera tedesca Angela Merkel organizzata assieme ai Ministri competenti. una riunione che ha fatto seguito al vertice di ieri con il Presidente francese François Hollande, che ha esortato la Cancelliera ha impegnarsi di più nello sforzo per la guerra contro il terrorismo.

Giovedì pomeriggio il progetto della Germania di inviare Tornando e una nave da guerra in Siria sarà presentato al parlamento: si tratta di un passaggio assolutamente necessario affinché l’invio possa ottenere il lasciapassare e possa poi concretizzarsi. La flotta di Tornado della Germania è composta da oltre ottanta velivoli, tutti dotati di scanner a raggi infrarossi e di fotocamere ottiche. Una parte della flotta potrebbe essere impiegata proprio per i bombardamenti in Siria.

Con questa mossa, Angela Merkel ha chiaramente lasciato intendere che il suo Paese non si tirerà affatto indietro nella lotta contro l’Isis, come lei stessa aveva dichiarato d’altra parte. Come ha dichiarato anche il Presidente francese Hollande, bisogna agire sul piano europeo, controllare gli spostamenti aerei, la vendita delle armi, sradicare il terrorismo anche controllando le frontiere estere. E proprio per questo, ha proseguito il Presidente francese, occorre prendere provvedimenti in Paesi quali Francia, Germania, Europa in generale e andare ad agire sulla fonte, le cause (in particolare contro Daesh, in Siria e in Iraq).

Dopo aver visto Angela Merkel e il Premier britannico David Cameron, François Hollande ha ricevuto oggi all’Elisio il Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi mentre stasera sarà a Mosca, per parlare con Vladimir Putin (che ha sempre sostenuto una coalizione internazionale per battere il terrorismo).