Il copilota Andreas Guenter Lubitz, responsabile del disastro aereo della Germanwings, era depresso perché era stato lasciato dalla fidanzata prima delle nozze. A riportare l’indiscrezione è il quotidiano tedesco Bild.

Il quotidiano rivela che il ventisettenne tedesco era già caduto in depressione qualche anno fa. Nel 2009 il pilota aveva infatti sofferto di una crisi depressiva ed era stato sotto trattamento psichiatrico per un anno e mezzo. A farlo riprecipitare nel tunnel della depressione nell’ultimo periodo era stata la rottura con la fidanzata con la quale aveva già pianificato di sposarsi. I due da qualche tempo erano in crisi.

Negli ultimi mesi, Lubitz non a caso si divideva tra la casa dei suoi genitori a Montabaur, in Renania, e l’abitazione che condivideva con la fidanzata a Düsseldorf. Gli inquirenti stanno scavando più a fondo nel passato dell’uomo per riuscire a trovare una spiegazione al folle gesto.

Secondo le testimonianze raccolte da amici e conoscenti, Lubitz aveva manifestato più volte segnali di instabilità psichica e dai primi rilievi nella sua abitazione sarebbero emerse tracce di disturbi psicologici. Gli investigatori hanno scoperto che sei anni fa il pilota fu dichiarato in parte non idoneo al volo. Il giudizio negativo sulla sua capacità di mantenere il controllo di un aereo era arrivato dagli istruttori della scuola di volo della Lufthansa di Phoenix, negli Stati Uniti.

A conferma delle indiscrezioni riportate dal quotidiano tedesco Bild e provenienti da fonti della Lufthansa, intervengono anche le informazioni raccolte dal quotidiano Spiegel. Secondo quanto scrive Spiegel Lubitz non avrebbe dovuto volare quel giorno. A casa dell’uomo sarebbe stato infatti trovato un certificato di malattia. Il copilota lo avrebbe nascosto alla Germanwings.

Intanto la clinica universitaria di Düsseldorf ha diffuso un comunicato, confermando che l’uomo aveva iniziato una cura nella struttura a febbraio del 2015, ma smentendo che si trattasse di una cura per depressione. L’ultima visita di Lubitz nella struttura sanitaria risale al 10 marzo scorso. Le cartelle mediche di Lubitz sono state acquisite dagli inquirenti per chiarire lo stato psicofisico dell’uomo al momento dell’incidente aereo.