Filippo Russotto non ce la fa più. Iscritto nel registro degli indagati, vorrebbe rientrare nel suo appartamento che, però, è ancora sotto sequestro nonostante i risultati dei Ris lo “scagionino”: le tracce di sangue trovate in casa apparterebbero ad un uomo e non a Gessica Lattuca, la 27enne sparita nel nulla il 12 agosto scorso da Favara (Agrigento). Russotto – in un’intervista a “Mattino Cinque” – ha fatto sapere di essere disposto a tutto, anche a “togliere i sigilli”, pur di tornare alla sua vita di prima.

Un altro tassello intanto si aggiunge a questo brutta vicenda. Serena Restivo, nel corso di alcune interviste televisive, ha ribadito di aver ricevuto un paio di orecchini, presumibilmente appartenenti a Gessica Lattuca, che le sarebbero stati regalati da Filippo Russotto, ex convivente della ragazza scomparsa, al termine di un servizio di pulizia nel suo appartamento. Russotto le avrebbe dato anche 20 euro.

Gessica sapeva che Filippo Russotto aveva deciso di regalare quegli orecchini a Serena Restivo? Secondo la madre, in un’intervista a “Mattino Cinque”, la figlia era molto gelosa del suo ex convivente e padre di tre dei quattro figli, nonostante i due non abitassero più insieme. Gessica Lattuca, infatti, sognava una casa tutta sua dove stare coi bambini: intanto risiedeva nella casa della madre, a pochi metri da quella del fratello Enzo.