Gessica Lattuca è una ragazza di 27 anni, madre di quattro figli, sparita nel nulla il 12 agosto da Favara, nell’Agrigentino. È uscita di casa per recarsi dal fratello ma, dopo aver trascorso un po’ di tempo con lui, è sparita nel nulla. Nessuno l’ha vista. Nessuna segnalazione, nessun avvistamento. Di lei si sono perse le tracce e le indagini, dopo oltre due mesi, non sono riuscite a individuare il colpevole.

gessica lattuca

L’unico indagato è l’ex convivente, Filippo Russotto, padre di tre dei quattro figli di Gessica Lattuca. Il fascicolo aperto dalla Procura di Agrigento è per sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione. Poche settimane fa, tra l’altro, i Ris di Messina avevano effettuato alcuni sopralluoghi nelle abitazioni di Russotto rinvenendo anche del sangue nel bagnoDopo attente analisi, è emerso che si trattava di tracce ematiche di un uomo, probabilmente del fratello di Gessica Lattuca, così come ribadito fin dal primo istante dallo stesso Russotto. Secondo l’ex della ragazza scomparsa, si tratta del sangue di Salvatore Lattuca, fratello di Gessica, che si sarebbe medicato nella sua casa poco tempo fa a seguito del ferimento della mano.

Filippo Russotto viene “scagionato” dai Ris di Messina mentre, adesso, i riflettori sono tutti puntati su un presunto giro di prostituzione nel quale potrebbe essere finita la povera Gessica. Fatti che, però, sono sempre stati smentiti dalla famiglia, all’oscuro di tutto. Intanto è apparsa una scritta su un muro sul quale qualcuno ha indicato il nome del presunto assassino di Gessica Lattuca. Le indagini proseguono serrate per capire se si tratta del gesto di un mitomane o se possa esserci un fondo di verità.

Gessica Lattuca

Tirato in ballo anche l’ex datore di lavoro della ragazza scomparsa a cui poche settimane fa qualcuno ha incendiato l’auto. Un gesto compiuto in pieno giorno. Un atto intimidatorio o solo un modo per depistare le indagini?