Può capitare a tutti di rimanere chiusi in ascensore, sia per un guasto tecnico che per questioni più gravi, come un calo di tensione o una lieve scossa di terremoto. Cosa fare, però, quando l’attesa dei soccorsi si prolunga più del dovuto? La risposta arriverà presto dal Giappone: dei WC installati in ogni ascensore, per rendere l’attesa meno traumatica.

L’idea è nata dall’ultima scossa di terremoto, avvenuta qualche giorno fa e di magnitudo 7.8. A causa del fenomeno tellurico, molte persone sono rimaste chiuse in ascensore per parecchie ore, senza possibilità d’accesso ai minimi servizi igienici. Così, l’iniziativa di installare WC portatili e fontanelle d’acqua fresca per rispondere a qualsiasi, e spesso imbarazzante, emergenza. E se il vano fosse troppo piccolo per ospitare dei servizi igienici? Al vaglio l’ipotesi di un WC di cartone, completamente piegabile, foderato all’interno con speciale materiale assorbente per i liquidi e per gli odori.

Fonte: Metro