Oggi, 22 aprile 2016, si festeggia la 46° Giornata Mondiale della Terra (in inglese Earth Day), la più grande manifestazione ambientale del pianeta e momento in cui tutti i cittadini del mondo sono chiamati ad unirsi per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. Nata negli anni ’70 come movimento universitario, nel tempo, la Giornata della Terra è divenuta un avvenimento educativo ed informativo di primaria importanza nel sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali del nostro pianeta.

L’iniziativa assume inoltre quest’anno un significato molto particolare: la data del 22 aprile è stata infatti scelta dal Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon,  per la ratifica dello storico accordo sul clima di Cop21, siglato lo scorso dicembre a Parigi. Il testo parte dal presupposto che: “Il cambiamento climatico rappresenta una minaccia urgente e potenzialmente irreversibile per le società umane e per il pianeta”. Richiede pertanto “la massima cooperazione di tutti i paesi” con l’obiettivo di “accelerare la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra”.

L’accordo prevede dunque il massimo sforzo al fine di limitare l’aumento della temperatura globale a +1.5°, obiettivo che prevede la limitazione delle emissioni di gas a effetto serra già a partire dal 2018. Da tale data verranno eseguiti controlli quinquennali (il primo nel 2023), al fine di revisionare di volta in volta gli obiettivi fissati. Il testo prevede inoltre l’erogazione di cento miliardi all’anno (a partire dal 2020) da parte dei paesi di vecchia industrializzazione, al fine di diffondere in tutto il mondo le tecnologie verdi e decarbonizzare l’economia.

Per celebrare lo storico accordo sul clima e l’Earth Day, a Roma torna per il terzo anno consecutivo il Villaggio per la Terra, una 4 giorni all’insegna di concerti, appuntamenti culturali, spettacoli dal vivo, DJ Set e cinema nel parco, oltre ad eventi specificamente pensati i per i più piccoli, nel Villaggio dei bambini, con giochi, animazioni e laboratori nella natura, planetario gonfiabile ed esperimenti scientifici. E ancora attività all’aria aperta, contest calcistici e musicali, uno spazio ‘verde’ dedicato al cibo di eccellenza, area pic-nic, forum e workshop a tema. “Earth Day Italia – ha dichiarato Silvia Costa, Presidente della Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento Europeo – ha voluto dedicare questa edizione della Giornata della Terra alle giovani generazioni e ripartire da loro per promuovere consapevolezza riguardo l’ambiente. È un’iniziativa che sposa appieno le direttive ambientali europee e che viaggia nella stessa direzione delle strategie intraprese dalla Commissione che presiedo. La piantumazione di 13 alberi in memoria delle 13 studentesse Erasmus scomparse in Spagna, aggiunge poi un valore di particolare significato”.

Venerdì sera, dalle ore 20, tutti partecipanti al Villaggio per la terra potranno inoltre assistere in diretta da New York alla firma dell’accordo raggiunto alla COP21 che si terrà al Palazzo di Vetro dell’Onu. “La ratifica dello Storico accordo sul clima di Parigi, voluta da Ban Ki Moon proprio nel giorno dell’Earth Day, – ha dichiarato Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia – è un risultato politico importante ma non certo un punto di arrivo. L’umanità ha finalmente raccolto la sfida della sostenibilità dalla quale dipende la qualità della vita di miliardi di persone e la sopravvivenza stessa del nostro Pianeta. Al Villaggio per la Terra di Villa Borghese i nostri ragazzi saranno lì a testimoniare con una grande festa la bellezza della Terra e il loro diritto a viverla“.