Oggi, 31 maggio, si celebra la Giornata Mondiale Senza Tabacco (World No Tobacco Day), un’iniziativa istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1987  per attirare a livello globale l’attenzione sull’epidemia del tabagismo e sensibilizzare quanto più possibile la popolazione sulle malattie che il consumo di tabacco e sigarette comportano e sulle morti di cui ogni anno sono la causa.

L’OMS sceglie ogni anno un tema diverso relativo all’ampia gamma di misure possibili indicate dalla Convenzione Quadro per il controllo del tabacco (FCTC). La Giornata Mondiale Senza Tabacco 2014 ha scelto come tema “La tassazione dei prodotti del tabacco”.

Il fumo è la prima causa di morte evitabile a livello mondiale ed è attualmente responsabile del 10% dei decessi di adulti in tutto il mondo. Questo significa quasi 6 milioni di persone uccise ogni anno dal consumo di tabacco, di cui più di 600 000 sono non fumatori che muoiono per il fumo passivo e se non saranno attuate politiche efficaci si prevede che entro il 2030 moriranno ogni anno oltre 8 milioni di fumatori. Per questo, per la Giornata mondiale senza tabacco 2014, l’OMS e i partner invitano i paesi ad aumentare le tasse sul tabacco. Ridurre il consumo di tabacco salva vite umane e la ricerca mostra che l’aumento delle tasse è il mezzo più efficace nel ridurre il consumo di tabacco, soprattutto tra i gruppi a basso reddito e tra i giovani. Un aumento del 10% diminuisce il consumo di tabacco di circa il 4% nei paesi ad alto reddito e fino all’ 8% nella maggior parte dei paesi a basso e medio reddito.

La Francia, per esempio, tra i primi anni ’90 e il 2005 ha triplicato i prezzi delle sigarette, aumento che ha generato un calo delle vendite pari al 50%. L’impatto sulla salute di questa drastica riduzione del consumo non ha tardato a mostrarsi, con casi di decessi legati al cancro ai polmoni a loro volta in diminuzione del 50% durante lo stesso periodo.

Il World Health Report 2010 ha inoltre sottolineato come un aumento del 50% delle tasse sul tabacco potrebbe generare un incremento di poco più di 1,4 miliardi di dollari in 22 paesi a basso reddito. Se assegnati alla salute, i fondi del governo per la sanità in questi paesi potrebbero aumentare fino al 50%.

L’obiettivo della Giornata Mondiale Senza Tabacco 2014 è quello di contribuire a proteggere le generazioni presenti e future non solo dalle conseguenze devastanti per la salute, ma anche dalle piaghe sociali , ambientali ed economiche causate dal consumo di tabacco e dall’esposizione al fumo passivo. Aderiamo alla giornata. Asteniamoci dal fumo almeno per queste 24 ore!