E’ morto all’età di 100 anni l’ex senatore Giovanni Bersani. A darne l’annuncio sono stati i famigliari del fondatore del Cefa con una nota ufficiale. Lo storico parlamentare ed esponente della Dc, dice la famiglia, “se ne è andato serenamente ed è tornato alla casa del Padre. La funzione funebre si terrà sabato mattina”. Nato a Bologna il 22 luglio 1914, Bersani è ricordato per aver fondato nel 1972 il Cefa, Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricoltura, ’organizzazione non governativa di volontariato internazionale con sede nel capoluogo emiliano e che da allora opera nei paesi dell’Africa subsahariana, balcanici e dell’America Latina.

Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, lo ha ricordato per il grande contributo che Bersani ha dato alla città e per il bene degli altri: “Ha lottato contro le disuguaglianze e il suo impegno per la promozione di una crescita sostenibile nelle comunità è noto in tutto il mondo. Nel luglio scorso, quando abbiamo realizzato un calendario di iniziative benefiche per festeggiare i suoi 100 anni, dissi che la sua vita ha testimoniato l’anima della città che lui ha saputo interpretare attraverso azioni di solidarietà concreta. Il suo impegno per la pace e la cooperazione internazionale non verrà dimenticato e sarà di insegnamento per tutti noi”.

Durante il corso della sua vita Giovanni Bersani ha lasciato un segno nella vita di numerose personalità politiche come Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Affari esteri del Senato che l’ha ricordato con queste parole: “Pochi mesi fa, festeggiando i suoi cento anni, ci ha ancora una volta spiegato  come la politica sia la più alta forma di carità. Lui fino in fondo ha interpretato questa purezza dell’impegno pubblico. Bologna e l’Emilia Romagna non potranno mai dimenticare questo loro grande figlio”. Bersani è stato amico di Madre Teresa di Calcutta e nel 2010 fu in corsa per il conferimento del premio Nobel per la pace.

Foto: Ansa