Potrebbe non essere un’azione molto furba, quella di fingersi dei poliziotti per derubare dei turisti giunti a Roma per il Giubileo, dato che la città ha intensificato esponenzialmente controlli e misure di sicurezza.

Eppure i tre cittadini romeni (di 33, 44 e 57 anni) arrestati questa mattina con l’accusa di furto aggravato in concorso devono aver pensato di poter cogliere al volo l’occasione, spacciandosi proprio per quegli agenti delle forze dell’ordine di cui pullula Roma in questi giorni.

I membri del terzetto, tutti senza fissa dimora, sono stati notati da una volante dei carabinieri della stazione di Piazza Dante mentre presso la fermata della metropolitana di Piazza Vittoria fermavano una coppia di turisti che si stava dirigendo verso San Pietro. Esibito un porta documenti senza alcun tesserino di riconoscimento, i tre si sono finti agenti di polizia e hanno quindi chiesto di controllare il contenuto delle borse e dei portafogli dei turisti.

A quel punto sarebbe scattato il tentativo di furto, bloccato sul nascere dai militari che avevano notato la scena: i carabinieri hanno dunque scortato i criminali in caserma, in attesa che venga istituito il processo per direttissima.

Sono in tutto 3500 le forze dell’ordine – 2500 militari e 1000 agenti di polizia – schierati a difesa della città durante il periodo del Giubileo.