Entro domenica il Presidente del Consiglio incaricato presenterà la sua squadra di governo a Napolitano.

Enrico Letta sembra sempre più convinto di accettare l’incarico, soprattutto dopo che ieri ha avuto fitti, e proficui, colloqui con tutte le forze politiche presenti in Parlamento per la formazione del prossimo governo di larghe intese. All’opposizione Movimento Cinque Stelle, Lega Nord e SEL.

Sarà un venerdì di riflessione quello di Enrico Letta, ancora qualche colloquio per tirare le somme e poi si presenterà dal Presidente della Repubblica Napolitano con una rosa di personalità che faranno parte del suo governo.

I nomi che vengono presi in considerazione, e se ne sentiranno molti entro domenica, sono di assoluto primo livello e per la maggior parte politico. Una sorta di compromesso tra le diverse forze politiche che si spera porti alla formazione di un governo  entro la fine della settimana e presentato al parlamento all’inizio della prossima. Solo indiscrezioni per i “posti chiave”: Giuliano Amato e Massimo D’Alema, rispettivamente all’Economia e agli Esteri, le conferme “tecniche” di Anna Maria Cancellieri agli Interni e Paola Severino alla Giustizia, prese in considerazione anche personalità come il direttore di Bankitalia Saccomanni. I nomi sono molti e dei più svariati.

Insomma un gran lavoro di mediazione di Enrico Letta che entro stasera dovrà parlare anche con Silvio Berlusconi, dal ritorno dagli Stati Uniti, per fare il punto della situazione. Le forze che sosterranno questo governo saranno PD, PDL e Scelta Civica. Il PDL vorrebbe un governo più politico, il PD più tecnico e Scelta Civica non mette nessun paletto, l’importante è che si mettano da parte le diffidenze e si faccia presto.