Enrico Letta e il suo Governo hanno ottenuto la fiducia alla Camera (LEGGI QUI), con 379 sì, 212 no e due astenuti. In mattinata il premier, nel suo discorso a Montecitorio dopo la formazione della nuova maggioranza senza Berlusconi, aveva parlato di nuovo inizio per l’Esecutivo. La discussione, poi, si è tramutata in un acceso scontro tra Letta (QUI IL SUO INTERVENTO SULLE TASSE) e il Movimento Cinque Stelle; il motivo del contendere è stata una risposta chiara, precisa e anche un po’ piccata, alle accuse di Riccardo Nuti (M5s)

Letta: “Ho la determinazione a lottare con tutto me stesso per evitare di rigettare nel caos tutto il Paese proprio quando sta rialzandosi – le sue parole - l’Italia è pronta a ripartire ed è nostro obbligo generazionale (QUI PER APPROFONDIMENTI). Il 2 ottobre, a dispetto del voto finale, mi sono rivolto a una nuova maggioranza politica, meno larga ma più coesa negli intenti. Oggi ciò che chiedo è di confermare quella fiducia per segnare anche una discontinuità e segnare bene un prima e un dopo. Nelle prossime settimane proporrò un patto di governo, lo chiamerò “Impegno 2014””.

Letta, in apertura, ha lanciato un chiaro messaggio a Beppe Grillo: “Le istituzioni esigono sempre rispetto – dice il premier - a maggior ragione in un tempo amaro in cui si tenta di immiserire questa aula con azioni e parole illegittime che avallano la violenza, mette all’indice i giornalisti e vuole fare macerie della democrazia rappresentativa e arriva ad incitare all’insubordinazione le forze dell’ordine”. Dopo l’intervento del deputato Nuti contro Faraone, accusato di essere stato a casa di un pregiudicato, Letta ha risposto: “Esprimo solidarietà al collega Faraone per le cose ingiuriose dette qui dal collega Nuti. Questa logica della delazione e accusa è inaccettabile. Pensavo che le accuse di Grillo a Oppo e Merlo fosse una gaffe e immaginavo che si finisse. Ed invece vedo, collega Nuti, che lei ha rilanciato che o i giornalisti scrivono le cose che vi piacciono o vengono messi alla gogna. È inaccettabile”.