Lo stop all’Imu voluto dal Pdl per appoggiare il nuovo Governo Letta porterà l’Esecutivo a ripensare formule e modi per poter introitare le finanze necessarie. E il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni (foto by InfoPhoto) ha tre settimane di tempo per mettere a punto una prima manovra di bilancio per scongiurare l’aumento dell’Iva e rifinanziare la cassa integrazione.

Venti giorni nei quali bisognerà definire la manovra, con il deficit pubblico del 2013 che resterebbe in ogni caso sotto il 3% del Pil anche nell’aggiornamento del quadro dei conti, che dovrà essere sottoposto a Bruxelles nell’ultima settimana di maggio. L’Europa, intanto, ci premia: oltre ad aver certificato l’essersi mantenuti sotto il 3%, si apre anche alla possibilità che l’Italia possa uscire dalla procedura comunitaria per deficit eccessivo. Anche se i livelli di debito e disoccupazione viaggiano verso livelli record: il primo arriverà al 5,1% nel 2014, mentre in Italia, l’anno prossimo, ci saranno il 12,2% di disoccupati.