In un’intervista rilasciata al quotidiano britannico The Telegraph, Beppe Grillo (foto by InfoPhoto) parla in termini più che positivi del suo nuovo, probabile alleato sul fronte anti-europeista: Nigel Farage, il leader dell’UKIP che ha incontrato nella giornata di mercoledì a Bruxelles per un pranzo informale e due chiacchiere esplorative. “Non è il razzista che viene descritto sulla stampa, così come io non sono fascista o nazista. Vuole solo controllare i flussi migratori in Europa, proprio come noi. Il nostro programma non si cambia e nemmeno le nostre idee, ma se parliamo di democrazia diretta allora abbiamo qualcosa in comune con loro“.

Una sintonia evidente che trascende il mero scacchiere politico. “Farage è molto spiritoso e ironico“, ha detto Beppe, che di queste cose continua a intendersene parecchio. Un colpo di fulmine, a quanto pare, che promette nuovi, intriganti capitoli. Ora bisognerà vedere come si esprimerà la base del M5S a proposito di una futura alleanza con l’UKIP. La sensazione è che sono rose e fioriranno presto.