Bufera tra i vertici della Guardia di Finanza. La procura di Napoli ha infatti emesso i primi provvedimenti in seguito ad un’indagine sulla richiesta di tangenti in cambio di verifiche fiscali addomesticate. A finire in carcere, per il momento, sono il comandante provinciale della Gdf di Livorno, il colonnello Fabio Massimo Mendella e il commercialista napoletano Pietro De Riu. Risulta indagato anche il generale Vito Bardi, numero due della Guardia di Finanza e proprio per questo motivo i suoi uffici di Roma sono stati perquisiti.

I pubblici ministeri  Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock ipotizzano per gli arrestati (Mendella e De Riu) il reato di concorso in concussione per induzione e di rivelazione del segreto d’ufficio. La somma totale del denaro impiegato per le tangenti più altre varie utilità incassate dagli indagati ammonterebbe a circa un milione di euro.

(photo credit: Infophoto)