Hanno parlato per circa due ore. Il primo incontro a quattro occhi fra il presidente della Russia Vladimir Putin e quello dell’Ucraina Petro Poroshenko (dopo il brevissimo contatto a giugno in Normandia), tenutosi in Bielorussia a Minsk, si è concluso nella tarda serata del 27 agosto. Potrebbe essersi trattato del primo passo verso una soluzione della crisi che ha scatenato la guerra civile tra il governo di Kiev e i ribelli filorussi nell’est e nel sud del territorio.

Putin ha dichiarato che la Russiaè pronta a fornire il suo sostegno per il raggiungimento di un accordo“. Ma il capo del Cremlino si è anche affrettato a specificare che un cessate il fuoco fra truppe regolari e ribelli è materia di esclusiva competenza fra le parti. Poroshenko si è limitato a dire che l’Ucraina preparerà al più presto un piano che porti ad una tregua. Nel frattempo a Minsk si è discusso anche di energia, la vera grande partita. Putin ha annunciato che ci saranno nuove trattative con l’Ucraina per la fornitura di gas russo.