L’artiglieria israeliana ha colpito una scuola dell’Unrwa (l’ente dell’Onu per i profughi) in cui avevano trovato riparo numerosi sfollati. La scuola si trovava a Beit Hanun, nel Nord della Striscia di Gaza, fonti locali riferiscono di 15 vittime (tra cui membri dello staff Onu) e 200 feriti, confermate anche dal Wall Street Journal. Nell’edificio avevano trovato riparo 1.500 sfollati, che avevano cercato riparo dai combattimenti nell’area.

Lo fanno sapere un portavoce del ministero della Salute di Gaza, Ashraf al-Kidra, e la Mezzaluna rossa palestinese.

Non è la prima volta che una struttura delle Nazioni unite viene colpita nei combattimenti nel territorio palestinese. Secondo l’Unrwa si tratta del quarto attacco in tre giorni a una delle scuole di Unrwa. Nei giorni scorsi Israele aveva però accusato Hamas di nascondere armi proprio negli edifici dell’Onu, ragione alla base dei precedenti attacchi.

La sanguinosa guerra a Gaza non sembra rallentare tra razzi su Israele e attacchi sulla Striscia che vedono la morte di tanti soldati israeliani. Le voci di una possibile tregua a Gaza, quindi, sembrano non trovare riscontro nella realtà. Una tragica realtà di scontri che va avanti dopo 17 giorni.

Foto: Al Jazeera English via photopin cc