Potrebbe esserci uno spiraglio per una tregua umanitaria di cinque giorni tra Israele e Hamas. Nelle ultime ore, secondo quanto riferisce la stampa palestinese, gli estremisti islamici che combattono gli israeliani avrebbero acconsentito alla proposta di tregua formulata dal segretario di Stato americano John Kerry, facendo un passo indietro sulle condizioni. Fino ad un giorno fa da Hamas erano decisi nel pretendere il ritiro dell’esercito israeliano dalla striscia di Gaza e la rimozione dei blocchi ai valichi di confine. Condizioni seccamente respinte dalla controparte. Nel frattempo i morti palestinesi hanno superato gli 800. Ora Hamas chiede il rilascio dei prigionieri e l’allargamento dell’area di pesca davanti alle coste di Gaza. Il Governo di Israele sta valutando la risposta. Intanto, nelle prime ore del 25 luglio, l’esercito di Tel Aviv ha colpito altri 25 obiettivi. Un ufficiale afferma che i terroristi stanno uscendo dai tunnel e consegnando le armi.