Sarah Allen, mamma trentaseienne del piccolo Jasper di due anni, aveva portato il figlio all’ospedale a causa di una forma di varicella così grave da far spavento.

Il bimbo era ricoperto da centinaia di puntini rossi ma la receptionist del pronto soccorso lo ha respinto, rifiutando sotto sua decisione di farlo visitare dal medico perchè, secondo lei, le condizioni non erano così preoccupanti. Il piccolo, invece, si è aggravato e la febbre è salita al punto di correre nuovamente in ospedale dopo solo 48 ore. Dopo aver visitato il bimbo, i medici sconcertati hanno così affermato di non aver mai visto nulla del genere e che si trattava della peggiore varicella di sempre. La storia, così come riporta il sito Metro.co.uk, ha davvero dell’assurdo se si pensa che il povero Jasper, per colpa di quella receptionist, è stato costretto ad un ricovero di cinque giorni con le flebo a causa delle piaghe dovute alla malattia. La mamma, infuriata con il personale del pronto soccorso, adesso difende il ruolo dei genitori che dovrebbero essere presi sempre in considerazione dai medici data la loro esperienza:

“Non sono una madre nevrotica, ho un’altra figlia e mi rendo conto se una forma di varicella è più grave di un’altra. Dovrebbero ascoltare di più i genitori. [...] Bisogna sensibilizzare i genitori a vaccinare i propri bimbi. Oggi Jasper è ancora sotto osservazione per controllare che non ci siano stati danni al cuore”.