Entrano nel vivo le elezioni americane che vedono contrapporsi Hillary Clinton a Donald Trump, i due candidati alla Presidenza degli States. Sia Matteo Renzi che Barack Obama hanno detto apertamente – in più occasioni – di sostenere la Clinton, data per favorita in queste elezioni. Uno dei consiglieri di Trump, però, durante lo show radiofonico di Jeff Kuhner, ha detto: “Hillary Clinton dovrebbe essere portata davanti ad un plotone di esecuzione e fucilata per alto tradimento”. “Sono un veterano che ha combattuto e partecipato alle operazioni ’Desert Shield’ e ‘Desert Storm’ in Iraq e sono anche un padre che ha mandato un figlio in guerra, in Iraq, come tecnico di elicotteri nel corpo dei Marine” ha detto Al Baldasaro, consigliere di Trump e membro dell’assemblea parlamentare del New Hampshire.

Le dichiarazioni choc contro Hillary Clinton

Dichiarazioni choc che hanno fatto il giro del mondo e che non sono piaciute alla Clinton. “Hillary per me è come la Jane Fonda del Vietnam” ha proseguito il consigliere di Trump, senza freni nel corso dell’intervista radiofonica. “Hillary è una disgrazia per le bugie che ha detto alle madri i cui figli sono stati uccisi a Bengasi. Tutto mi disgusta di lei, dovrebbe essere messa lungo una linea di tiro e giustiziata per tradimento” ha aggiunto. Dichiarazioni che hanno creato un grande imbarazzo nello staff del candidato alla Casa Bianca, Donald Trump. Il partito prende le distanze da queste dichiarazioni choc e il portavoce del Secret Service, Robert Hoback, ha assicurato che condurrà le indagini del caso. L’inchiesta è già stata aperta per valutare la gravità delle dichiarazioni di Al Baldasaro.

La reazione di Hillary Clinton

“La costante escalation di retorica offensiva da parte di Trump rischia di alimentare tra i repubblicani quel tipo d’odio che da tempo era stato relegato ai margini della politica americana”, afferma la campagna di Hillary Clinton che poi aggiunge, senza mezzi termini: “Questa settimana, alla convention repubblicana, si assiste a un chiaro rafforzamento di questo pericoloso fenomeno”.