Il presidente del Venezuela, Hugo Chavez, operato nei mesi scorsi di cancro, è morto a Caracas, all’Hospital Militar, alle 16.25 ora locale (le 22.55 in Italia). Lo ha annunciato in tv il vice presidente e suo delfino designato, Nicolas Maduro.

Dure le parole di quest’ultimo che afferma: “Si è ammalato perché è stato attaccato, proprio come è successo con il leader palestinese Yasser Arafat”, sostenendo che “una commissione speciale di scienziati” potrà confermare questa tesi.

Il vice presidente venezuelano Nicolas Maduro ha denunciato l’esistenza di un ”piano per destabilizzare” il Venezuela dietro la malattia del leader Hugo Chavez. Maduro ha parlato durante una riunione del governo trasmessa in diretta TV. Il ministero degli esteri venezuelano ha comunicato l’espulsione di un secondo funzionario dell’ambasciata statunitense a Caracas, dopo quello annunciato oggi dal vicepresidente Nicolas Maduro. Si tratta di Debling Costal ed entrambi sono accusati di ingerenza e cospirazione.

Il ministro dell’Informazione Ernesto Villegas aveva ad ogni modo anticipato il decesso del capo di Stato asserendo a condizioni «molto delicate», e di una recente «chemioterapia il cui impatto è stato molto forte».