Nei giorni scorsi, a Bruxelles, in occasione dell’European Cruise Council, sono stati comunicati i dati relativi al settore crocieristico per il 2011.

Se da un punto di vista commerciale si è registrata una forte crescita del numero di passeggeri che hanno scelto la crociera per i loro viaggia, diversa è invece la situazione quando si parla di cantieristica navale.

Secondo quanto rilevato infatti, la forte produzione degli anni passati e la grave crisi attuale starebbero comportando una contrazione del settore.

Come spiega lo stesso Presidente di Fincantieri, Corrado Antonini, i cantieri si ritrovano ad avere grandi possibilità, ma poco lavoro, quindi “per alcuni anni a venire – spiega Antonini . ci sarà una domanda che non sarà in grado di soddisfare le capacità produttive dei cantieri”.

Questo comporta che i vari cantieri di Fincantieri dovranno dividersi una quantità di lavoro già ridotta in più non bisogna dimenticarsi dei cantieri dell’estremo oriente che sanno sicuramente essere molto competitivi.

Per quanto riguarda poi 2020, Antonini ha specificato che, Fincantieri, con la Commissione Europea, sta cercando di capire come salvaguardare questo settore che sembrerebbe attrarre sempre di più i turisti.