Procedono entro i termini i lavori per il MOSE, ovvero per la realizzazione della barriera che dovrà impedire che Venezia venga sommersa dalle mareggiate in aumento in questi ultimi anni.

Al momento sono in fase di realizzazione i cassoni che serviranno per il Mose e che, per le loro dimensioni, sono stati paragonati a veri e propri palazzi a quattro piani, di 50 metir per 60 per 14 di altezza.

Si tratta di un progetto che sta attirando l’attenzione degli ingegneri di tutto il mondo e che coniuga tra aspetti al momento fondamentali, ovvero la tecnologia all’avanguardia, con l’attenzione per l’ambiente, in quanto il progetto è totalmente autosufficiente e ad impatto zero, e rispetto dei tempi, elemento che, come siamo abituati, non è così scontato nel nostro Paese.

Non c’è sosta dunque nei cantieri e “a oggi possiamo infatti affermare, ed è un primo passo molto importante, che a fine 2013 saranno installati i cassoni alla bocca di Porto di San Nicolò ed entreranno in funzione le prime paratoie di Treporti”, sottolinea Alessandro Mazzi, ingegnere e presidente di Grandi Lavori Fincosit e vicepresidente del Consorzio Venezia Nuova.