L’arrivo dell’identità digitale in Italia sembra avere finalmente una data certa: il mese di dicembre, quando sarà rilasciata la prima. A comunicarlo è stato il direttore generale di Agid (Agenzia per l’Italia digitale), Antonio Samaritani. L’identità digitale, in sintesi, consiste nell’insieme delle informazioni e delle risorse presenti online che un sistema informatico concede ad un particolare utilizzatore.

Il passo per arrivare definitivamente all’identità digitale sarà però compiuto in base al alcuni step: in seguito alla pubblicazione dei regolamenti per il completamento della fase progettuale, a partire dal 15 settembre si potrà procedere con l’accreditamento dei gestori del Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale (gli Spid). In questo modo, grazie all’identità digitale, si potrà accedere, con un’unica password, a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione (dalla sanità al fisco, tanto per fare alcuni esempi).

Le regole per la creazione degli Spid sono state redatte con la collaborazione del Garante per la Protezione dei Dati Personali e riguarderanno le caratteristiche dei singoli Spid, le modalità di adozione del sistema sia da parte delle imprese sia da parte della Pubblica Amministrazione, l’accreditamento dei gestori di identità digitale e le regole che gli identity provider dovranno rispettare per il riuso dell’identità digitale già esistente.

Per quanto riguarda le tempistiche, il direttore generale di Agid presuppone che entro l’autunno di quest’anno dovrebbero essere almeno tre milioni gli utenti con un’identità digitale.