Le parole sono importanti” oggi presenta una delle parole, secondo mio modesto parere, più belle in assoluto: capace di esprimere un sentimento che spessissimo proviamo in certe situazioni, o nei confronti di determinate persone. Non è odio, non è antipatia, bensì…

IDIOSINCRASIA: il termine è più utilizzato nel suo significato esteso di incompatibilità, avversione, ripugnanza verso determinati oggetti, per lo più astratti, verso situazioni o anche persone, ma in realtà nasce dalla medicina. In ambito sanitario, infatti, indica una condizione di ipersensibilità o di abnorme reattività, che si manifesta con quadri clinici diversi, per lo più gastrointestinali o respiratori, in soggetti costituzionalmente predisposti, e che insorge al contatto con sostanze (alimentari, medicamentose, inquinanti) verso cui l’organismo si mostra intollerante.

Il famoso Dr. House, protagonista dell’omonimo telefilm americano di fama mondiale, ad esempio, era noto per la sua idiosincrasia nei confronti del genere umano. La sottoscritta, invece, ha la fama di provare un’innata idiosincrasia per gli uomini incapaci di collegare il cervello alla bocca piuttosto che altrove. Insomma, ognuno ha l’idiosincrasia che preferisce…

photo credit: Jtsn* via photopin cc