“Dal 2005 abbiamo deciso di dedicare uno spazio ad alcuni paesi che avevano delle emergenze. Quest’anno abbiamo portato un po’ di Grecia in Italia e ci auguriamo che serva anche a incrementare il turismo” parla cosè la direttrice artistica Monica Nicoli im perito alla presenza del Festival Cuore di Grecia a Bologna a partire da oggi fino al 29 luglio.

Si tratta di un incontro tra due realtà in forte crisi, da un lato quella greca e dall’altro quella emiliana ecco perché si è deciso di devolvere tutti i ricavati della ristorazione nella ricostruzione del famoso Teatro di Crevalcore, duramente colpito dal terremoto.

Diversi gli spettacoli in programma per questo festival cui prende parte anche la danza contemporanea con sette spettacoli delle compagnia dell’Oktana Dance Theatre con il coreografo Konstantinos Rigos, l’Amalgama Dance Company, la Rootlessroot e Yelp Danceco e la Zita Dance Company.

Per quanto riguarda invece le produzioni cinematografiche, verranno proiettate sia quelle greche che internazionali che non hanno mai raggiunto le sale italiane.

Dodici saranno i film in tutto e l’apertura sarà dedicata a due grandi scomparsi in questi mesi, Tonino Guerra e Theo Angelopuolos, con il film ‘Paesaggio nella nebbia’.