È periodo di campagna elettorale negli Stati Uniti, sono infatti passati già quattro anni da quando gli americani hanno portato al potere il primo Presidente nero, accolto da molti come l’uomo in grado di modificare le sorti del Paese.

Adesso la situazione è cambiata e i conservatori sono pronti ad una dura lotta che preme sulle classi più agiate che dalla politica di Obama non sono riuscite a trarre grossi vantaggi.

Per screditare ancor più il Presidente, in questi mesi è stato proiettato il 61 sale cinematografiche il film dal titolo ‘2016: Obama’s America’ che racconta il destino degli Stati Uniti nel caso in cui Obama dovesse vincere nuovamente.

La pellicola sottolinea la politica anticolonialista del Presidente e i rischi che questa comporta, come ad esempio la morte e la disgregazione degli Stati Uniti stessi.

Uscito il 13 luglio a Houston, in breve il film ha raggiunto altre sale cinematografiche incassando 9,3 milioni di dollari e diventando così il documentario politico conservatore di maggior successo.