A due settimane dall’inaugurazione dell’Expo 2015 compare anche il food tra gli stand della Milano Design Week. E allora, parlando di cibo e di design, non potevamo trascurare, il macina sale e il macinapepe Peugeot, creazioni del Peugeot Design Lab, due oggetti emblematici per la storia dell’azienda francese. La prima produzione industriale del marchio automobilistico fu nella lavorazione dell’acciaio, dal quale iniziarono a forgiare lame per attrezzi da lavoro, stecche per ombrelli e per le crinoline, accessorio di gran moda nell’Ottocento. Alle componenti metalliche si affiancò ben presto la realizzazione di piccoli utensili tra cui i famosi macinini da caffè, dei quali il Museo Peugeot a Sochaux (L’Aventure Peugeot) conserva molti esemplari.

Nel solco della tradizione, Peugeot non ha smesso di produrre prodotti oltre che motori, attenta a rinnovarne nel tempo forme e materiali, mantenendo sempre l’alta qualità dell’acciaio delle parti meccaniche che rappresentano il suo marchio d’eccellenza. Completamente rinnovati, per la Design Week di Milano, il macinasale e il macinapepe confermano la filosofia della casa automobilistica, che unisce la forza della tradizione alla precisione dell’innovazione. Una forma aerodinamica, compatta, diversa da qualunque altra e la scelta di utilizzare l’alluminio su tutta la struttura, conferiscono una sofisticata eleganza ad uno strumento di uso quotidiano.

Ma Peugeot Design Lab fa della forma sostanza e significato ed è per questo che la diversa linea non è soltanto bella da vedere, ma è soprattutto funzionale a un nuovo concetto di macinatura. L’utilizzo non è verticale al piatto, ma orizzontale. Una parte cava sul corpo macinino ha il compito di raccogliere i grani sminuzzati, così da controllarne la quantità, che verrà poi distribuita sulla pietanza in maniera più precisa e visibile. Il macinasale e il macinapepe sono due oggetti simbolo del concept design di Peugeot, che continua a investire nell’innovazione, valorizzando la propria storia, senza mai trascurare bellezza e armonia delle forme.

Publiredazionale