“Il make up è quasi un’estensione degli accessori indossati sul capo. Karl ha disegnato questi copricapo che mostrano solo metà del viso. Sono stati realizzati dalla Maison Lemarié , utilizzando parti di tessuto e tulle a forma di foglie. Così abbiamo deciso di concentrare il focus del make up sugli occhi applicando gli stessi materiali usati per il copricapo.” così Peter Philips, Creative Director of Chanel Make Up, racconta l’ispirazione alla base della creazione dello splendido make up per la sfilata Haute Couture Primavera Estate 2013.

Guarda le foto e il video della sfilata Chanel Haute Couture Primavera Estate 2013.

Le applicazioni di strisce di tessuto – tulle e mussola – a forma di foglia sono state create appositamente per lo show e contribuiscono alla costruzione del mood romantico e velenoso delle donne fiore portate in scena: da lontano sono intense e scure, ma da vicino trasmettono la loro delicatezza e leggerezza, creando un contrasto unico di fragile oscurità.

Dopo aver preparato la pelle con Hydra Beauty Sérum, l’incarnato è stato sublimato con il fondotinta Vitalumière Aqua Fluide, perfezionato con il correttore Correcteur Perfection, illuminato con Eclat Lumière e fissato con Poudre Universelle Libre.

Un tocco di colore sulle gote è dato dal blush Joues Contraste in Frivole.

Lo smokey eyes nero è stato realizzato con la matita occhi Stylo Yeux Waterproof Noir Intense, con l’ombretto Stylo Eyeshadow Black Stream e con il mascara Le Volume de Chanel Noir.

Le labbra sono inizialmente preparate con Rouge Coco Baume e successivamente colorate con Rouge Coco Fantasque.

Gli smalti Le Vernis utilizzati infine riproducono anch’essi il contrasto tra delicatezza e lato dark che caratterizza la sfilata, vestendo con il rosa delicato di Emprise le unghie delle mani e con il nero perlato di Black Satin quelle dei piedi.

(Segui Véronique anche sul suo blog www.veroniquetresjolie.com)

Credits|2013 Spring-Summer Haute Couture, CHANEL Show Backstage, Makeup Peter Philips, CHANEL, photographer Vincent LAPPARTIENT.